Archive | Culture RSS feed for this section

Quelli di Piazza Vittorio : una recensione

15 Apr

Pasquale Cicchetti

Amara Lakhous's original novel

Scriveva Pasolini nel 1963 che era ormai tempo di accettare la «innocente ferocia» di quelle «distese infinite di vite reali» pronte a valicare i nostri confini. Già allora, l’umanità aspra di «altre voci, altri sguardi, altri amori» sembrava prossima a irrompere nella coscienza sociale di un Europa stordita dal capitalismo. E c’era, nell’imminenza di questa migrazione, il senso di concretezza storica che quell’Italia di rotocalchi e Lambrette aveva già perduto.

Quelli di Piazza Vittorio,andato in scena al Buchanan Lecture Theatre lo scorso 18 marzo, si è offerto al pubblico andreapolitano come uno sguardo aperto su questo scenario. Tratta da un romanzo del 2006, opera del giornalista italo-algerino Amara Lakhous, la pièce si presenta come una commedia di impianto corale. Nella versione curata da Mario Prisco per la filodrammatica italiana, l’indagine sul «pasticciaccio» del condominio romano – un assassinio e una misteriosa sparizione – si colora infatti di sfumature allegre, in una messinscena che alterna con bravura diversi registri di comico, dal calcistico-popolaresco fino a una satira di costume che non risparmia accenti grotteschi. Continue reading

Advertisements

Language Learning with LiveMocha

24 Mar

Catherine Dekeizer

One of the major issues with learning a new language is trying to figure out where to start! There are so many tools and programs, books and TV shows which promise to have you speaking fluently with little time or effort that it is hard to know what to use. I recently decided to try to teach myself French, and I wanted to do this relatively free of charge. I had heard of LiveMocha in the past – a web-based language teaching website – but had never used it, so I thought this would be a good opportunity to give it a go.

The most apparent advantage to using LiveMocha is the sheer range of language programmes it offers. I was only interested in the French, but the website offers courses in 35 different languages from Catalan to Chinese, Icelandic to Esperanto and Urdu to Ukrainian! Continue reading